Animazione Testata

Articoli

Bruno Zevi, Benedetto Croce e l'impegno politico

By writing the sentence ''Revolucion personnaliste et communautaire'', the French philosopher Emmanuel Mounier invites the intellectual to ''refaire the renaissance'', without deserting any commitment, but trying to resist, at least culturally and realistically, in the face of ''criminals who are bleeding the centuries'', and, therefore, also looking at the positive that exists and multiplies. Political fervour, as the beauty of a commitment, and the moral, social and cultural struggle, characterize the whole life and thought of Bruno Zevi, whose aversion to totalitarianism, oppression and every form of denial of human identity, comes from the profound reading of the works by Benedetto Croce. The Estetica before and La Poesia later stimulated artists, historians, scholars, and architects to rethink the methods of their work, by overturning the modus cogitandi et operandi active before then. In the process of inner excavation of the poetic phenomenon led by Croce, Zevi reads the need for authenticity, net of literary ideologies and acrobatics, in art as well as in social life, transferring these achievements to his work as an architect, professor, critic and, above all, man.

Keywords: Politics, Art, Political Commitment

Bruno Zevi, Benedetto Croce e l’impegno politico

 

Federica Ribera

Pasquale Cucco

Department of Civil Engineering, University of Salerno, Italy

 

Per un Principio Superiore

Guardando in modo attento la realtà, se ne vedono i compagni di cammino, se ne seguono le prospettive, si riflette sugli eventi e ci si sorprende ad argomentare sull’esistere. In un ragionamento lucido e non utilitaristico, ci si sente come immersi in un mondo che, se da un lato si sviluppa, dall’altro fa sperimentare un declino; si vive in una terra quasi straniera e ostile, dominati da uno spaesamento sempre più terribile, fino a giungere a chiedersi se non sia stato un inganno tutto ciò che è stato assorbito e vissuto come armonia, giustizia, valore e dovere. È lo stesso spaesamento che hanno vissuto gli uomini e le donne di tutti i tempi e le epoche, con i loro drammi, dittature, speranze e aspirazioni.

La politica, forma più alta di cultura e impegno, ospita in sé le varie sfaccettature dell’essere umano, anche se oggi, come ampiamente già discusso da Alexis de Tocqueville, l’individualismo di soggetti rinchiusi nei loro cuori non induce a partecipare attivamente alla cosa pubblica, alla politica che, quindi, va perdendo il suo significato originario, come costruzione e difesa di realtà comunitarie, sociali, culturali e umane che faticano a sopravvivere all’interno del cinismo tecnocratico imposto dalle società dello “sviluppo”, secondo la dittatura del divide et impera. In questo modo si prova un senso di grande impotenza; per cui, diviene abituale la convinzione che la politica “per un principio superiore” sia un’ingenua utopia.

... ... continua la lettura dal pdf allegato

Ultimo aggiornamento: 21/05/2018 06:57

Bruno Zevi e Benedetto Croce_Ribera_Cucco.jpg

N.File AllegatiDim
1FileRIBERA_CUCCO_EdA_May 2018.pdf866 kB
2FileBruno Zevi e Benedetto Croce_Ri150 kB
Per vedere i file è consigliabile cliccare sul nome con il tasto destro e scegliere "Salva oggetto con nome..."


Home | Reti Tematiche | News/Eventi | Link | E-book |Books | Rivista | Credits | Editorial Board | Contatti